Ascoltando la canzone ” Lazzari felici ”  di Pino Daniele, tratta dall’album “Musicante”, la memoria ritorna inevitabilmente agli inizi della nostra esperienza di musicisti girovaghi. Quando pur di fare una serata si accettava di tutto.

Quanta fatica nel trasportare quelle enormi casse della Montarbo (per fortuna ora sono più piccole, ma all’epoca erano incredibilmente pesanti). Non parliamo poi dell’impianto luci e della prima consolle: mi ricordo che per trasportarla ci volevano quattro persone.

Quanto entusiasmo e che passione però ci animava!

Si percepiva in tutti  un’ incredibile emozione per la serata che si preparava, ed ogni volta era diverso, anche se cantavamo le stesse canzoni.

Del compenso, poi, non parliamo proprio: il cachet non bastava nemmeno per coprire le spese di trasferimento sul luogo.

Eravamo sul serio lazzari felici, dentro un mondo dai mille volti sconosciuti, attenti a cogliere fino in fondo lo spirito della festa che volgeva al termine con la nostra esibizione musicale.

Ho amato sin dal primo ascolto questa canzone di Pino Daniele!

E’ una di quelle che più mi emoziona per la sua struggente amarezza, e anche perché racconta della faticosa ma appassionata esperienza che fanno, tutti quelli che si lasciano trasportare nel mondo della musica dal vivo.

” C’a faccia già scippata ‘a chesta musica ca è mariola pe’ dinto ‘e carusielle s’arrobba ‘a vita e sona..” . Quanta verità in questa frase del testo! La musica ruba pezzi di vita e li nasconde, abbandonandoli nei luoghi del passaggio.

E infine:” riestë all’ierta tutt’a nuttata pensanno addò’ si’ stato”.

Si ritorna a notte fonda e si sprofonda nel letto senza addormentarsi, anche se la stanchezza è tanta.

Mille pensieri affollano la mente, sorrisi di gente mai vista e che forse mai più si rivedrà!

Persone che hanno speso il loro tempo, cercando di catturare nella tua  musica un’emozione da portare con se e conservare per sempre.

Simm lazzari felici
gente ca nun trova cchiù pace
quanno canta se dispiace
è sempe pronta a se vuttà’
pe nun perdere l’addore…
Simmo lazzari felici
male ‘e rine ma nun se dice
musicante senza permesso ‘e ce guardà’
e cu ‘e spalle sotto ‘e casce
nun se sente cchiù l’addore ‘e mare
c’o volto santo ‘mpietto
e ‘a guerra dint’e mmane
sapenno ca è fernuto
si hajë ascì’ po’ fatte ‘a croce
cammënanno nun puo’ fà’ pace
aiza ‘a capa e so’ tutte ‘nciucë
ca nun se ponno acchiappà’
e c’a faccia già scippata
‘a chesta musica ca è mariola
pe’ dinto ‘e carusielle
s’arrobba ‘a vita e sona
sapenno ca è fernuta
E intanto passa stu noveciento
passammo nuje s’acconcia ‘o tiempo
si arape ‘o stipo saje addò’ staje
e nun të scuordë maje.
E intanto passa stu noveciento
cammisa ‘a fora ‘ncuorpo t’o ssientë
e riestë all’ierta tutt’a nuttata
pensanno addò’ si’ stato.

 

Ascolta l’anteprima dei miei brani  sul  sito: 

http://www.massimosorgente.com/

Se sono di tuo gradimento: Acquista il mio album “Come ero come sono” scaricandolo dal sito! 

Massimo Sorgente Cantautore - Scarica gratuitamente musica inedita NON soggetta al controllo delle case discografiche. Iscriviti ora alla NEWSLETTER!ISCRIVITI!
+