Non so a voi ma a me capita che, ascoltando “Quando quando” di Pino Daniele, la nostalgia per la sua assenza è più forte, rispetto a quando ascolto altri brani che ci ha lasciato in eredità.

Sarà perché questa canzone ricorda un altra persona scomparsa, Massimo Troisi, o sarà per qualche altra ragione? Non riesco a capire!

Non c’è dubbio che sia una delle canzoni più belle che ha scritto e, forse, tra quelle più scelte per le cover. Ma per quale motivo a distanza di tanto tempo non riusciamo proprio a rassegnarci che Pino Daniele non ci sia più?

D’accordo, le sue canzoni, che ascoltiamo dovunque, sono sicuramente terapeutiche e ci aiutano a mitigare il dispiacere, ma una vera e propria rassegnazione non riusciamo ad averla e chissà se mai l’avremo.

Ma cosa aveva che gli altri non hanno? Ognuno di noi avrà una sua risposta a questa domanda!

A me ha sempre colpito la semplicità e l’immediatezza del suo modo di parlare e in particolare di relazionarsi con gli altri, anche con il pubblico durante i suoi concerti.

Ritornando alla canzone “Quando quando”, nell’ascoltarla provo emozioni diverse.

Innanzitutto nostalgia e poi una grande sentimento di amarezza. Soprattutto al pensiero che per il tempo a venire, non rivivremo più la gioia di vedere Pino Daniele di nuovo sul palco, con la sua chitarra.

Tu dimmi quando quando dove sono i tuoi occhi e la tua bocca

forse in Africa che importa. Tu dimmi quando, quando

dove sono le tue mani ed il tuo naso

verso un giorno disperato ma io ho sete ho sete ancora.

Tu dimmi quando  quando non guardarmi adesso amore

sono stanco perché penso al futuro.

Tu dimmi quando, quando siamo angeli che cercano un sorriso

non nascondere il tuo viso perché ho sete, ho sete ancora.

E vivrò, sì vivrò tutto il giorno per vederti andar via

fra i ricordi e questa strana pazzia e il paradiso, forse esiste

chi vuole un figlio non insiste.

Tu dimmi quando, quando ho bisogni di te almeno un’ora

per dirti che ti amo ancora.

Tu dimmi quando, quando lo sai che non ti avrò e sul tuo viso

sta per nascere un sorriso ed io ho sete, ho sete ancora.

E vivrò, sì vivrò tutto il giorno per vederti andare via

fra i ricordi e questa strana pazzia e il paradiso, forse esiste

chi vuole un figlio non insiste.

lo sai che non ti avrò e sul tuo viso

sta per nascere un sorriso

ed io ho sete, ho sete ancora.

Tu dimmi quando quando

Ascolta l’anteprima dei miei brani  sul  sito: 

http://www.massimosorgente.com/

Se sono di tuo gradimento: Acquista il mio album “Come ero come sono” scaricandolo dal sito!

Massimo Sorgente Cantautore - Scarica gratuitamente musica inedita NON soggetta al controllo delle case discografiche. Iscriviti ora alla NEWSLETTER!ISCRIVITI!
+