Per iniziare, un ricordo di quando ero ragazzino,  ed ascoltavo le canzoni dal juke-box davanti al bar che frequentavo . All’epoca ascoltavamo principalmente canzoni dei gruppi tipo Bottega dell’Arte, Collage, ecc. Un giorno accadde qualcosa di particolare. Uno dei tanti amici che incontravo mi disse:”Ma cosa devi fare con queste canzonette? Adesso ti faccio sentire io qualcosa di più forte! E fu così che conobbi Francesco De Gregori, ascoltando la sua canzone  dal titolo Generale.

http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_De_Gregori

Naturalmente il passaggio dallo stile leggero a quello più impegnato non fu immediato e indolore. Mi resi subito conto che si trattava di cose più serie, ma nello stesso tempo non volevo abbandonare la semplicità e l’immediatezza della musica dei gruppi. In fondo le loro canzoni   mi tenevano  ancora legato al mio mondo preadolescenziale. Non ero ancora maturo per il passaggio! Anche perché, a dire il vero,  il linguaggio adoperato dal “Cantautore” mi appariva troppo astruso e privo di quella immediatezza che appartiene ai ragazzini.

Canzoni come Quattro cani per strada, Pezzi di vetro, ecc. per me ragazzino,  erano intraducibili ed inaccessibili, e quindi per un lungo periodo abbandonai l’impresa di voler comprendere un mondo che per il momento non mi apparteneva.

La provocazione  comunque si ripresentò dopo qualche anno, e precisamente durante la mia permanenza nella parrocchia Madonna di Fatima di Salerno.

Ricordo che durante le ore  di svago, trascorse con gli amici a suonare la chitarra, mi si chiedeva spesso di cantare canzoni del “Cantautore” tipo Alice, Rimmel, ecc. Facevo di tutto per accontentarli, anche se dentro di me non c’era molta convinzione. Decisi però a quel punto, che era giunto il momento di capire chi fosse Francesco De Gregori, e mi ricordo che lo feci proprio nel momento giusto. Infatti, era uscita da poco la sua canzone “La donna cannone” che ancora oggi rappresenta uno dei suoi capolavori.

In questa canzone,  l’amore sognato da un figura come la donna cannone,  definita  da molti grottesca, viene celebrato e spinto fin oltre la morte, rappresentata dal cielo nero nero ove si incammina la donna cannone. La scomparsa di questo personaggio dal mondo del circo, potrebbe anche simboleggiare la temporanea eclissi dell’amore dall’orizzonte umano.

L’elenco dei capolavori del Cantautore è molto nutrito! D’altra parte le sue canzoni sono ben note a tutti. Ma c’è una frase di una canzone che su tutte mi sbalordisce, e sto parlando di  Rimmel:”Ora le tue labbra puoi spedirle ad un indirizzo nuovo”.

In nessun’altra canzone ho riscontrato una metafora così centrata per descrivere la fine di una storia d’amore.

Ed è per questo che oggi come  allora,   dentro di me è  impressa   un’immagine, in base alla quale, quando sento pronunciare la parola cantautore , il mio pensiero corre immediatamente al “Cantautore”.  A Francesco De Gregori.

http://francescodegregori.net/

Iscriviti alla Newsletter per scaricare gratis un mio brano!

Massimo Sorgente Cantautore - Scarica gratuitamente il MIO PRIMO ALBUM! Iscriviti ora alla NEWSLETTER!ISCRIVITI!
+